5 tecnologie di tendenze per l’estate

I progressi nel campo delle tecnologie dell’informazione da qualche anno stanno scaldando in particolare quest’estate durante le maggiori conferenze internazionali.

La cooperazione tra dispositivi, analisi assistite, decisioni aziendali e una maggiore sicurezza sono solo tra le tendenze da tenere d’occhio. Le aziende stanno cominciando a imparare che è meglio (e più conveniente) essere proattivi quando si tratta di proteggere i dati dei propri clienti e dipendenti.

  1. I dati analytics

Sempre più organizzazioni si affidano ad analisi dei dati per prendere decisioni più consapevoli. In nessun altro ramo è più evidente che nel marketing d’impresa.

  1. Dispositivi mesh

In breve, si riferisce alla combinazione di dispositivi che normalmente tutti usiamo, dai telefoni intelligenti, capi d’abbigliamento, accessori per la casa, ecc. Ogni dispositivo è considerato un endpoint per l’interazione con persone, le comunità, i governi e le imprese . Storicamente ogni endpoint o dispositivo ha operato in modo indipendente l’uno dall’altro. Tuttavia, con la rete che evolve così ci sarà maggiore integrazione e cooperazione tra dispositivi.

  1. Virtualization

Ci sono tre aree IT in cui la virtualizzazione è in rapida evoluzione: la virtualizzazione di rete, virtualizzazione delle banche dati e virtualizzazione dei server. Queste tre risorse consentono una maggiore flessibilità e sicurezza.

  1. L’Internet delle cose (IOT)

È la rete di oggetti fisici: dispositivi, veicoli, edifici, macchine per il caffè, ecc che si collegano tramite un interruttore on/off a Internet. Andando avanti nel tempo, tutto ciò potrà essere collegato a Internet.

  1. Stampa 3D

I progressi nella stampa 3D hanno si sono rapidamente spostati da una fase prettamente “prototipo” a prodotti commerciali finiti. Anche se non è ancora pronta per superare la produzione tradizionale, The Boston Consulting Group sostiene che la tecnologia della stampa 3D verrà adottata su larga scala entro i prossimi cinque anni.

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...