Apple, le App più innovative del 2015 sono made in Italy!

Finalmente la prova provata che in Italia si può innovare. Meno male! Ma andiamo per gradi.

Ogni anno Apple rilascia delle classifiche speciali denominate “Best of”, classifiche stilate Paese per Paese e, udite udite…, quest’anno sono state proprio due startup italiane a vincere la classifica nella categoria delle “più innovative”; rispettivamente per l’iPhone e per l’iPad.

 

best-of-2015-il-meglio-del-2015-in-app-store-750x389

 

Stiamo parlando di Quokky e Sellf. I nomi sono particolari, ma vi assicuriamo che sono italiane al 100% ed entrambe sono app business!

Vediamo più nel dettaglio!

  1. Quokky: un’archivio automatico 

Di che si tratta

Quokky è un’applicazione nata a Udine che, a detta del Ceo e co-founder Filippo Veronese, sopperisce all’esigenza di gestire i documenti che riceviamo ogni giorno come allegati di e-mail o come trasferimento tramite sistemi di invio di file.

 

Il problema

Quokky è la prima app in cloud intelligente che permette di liberarci dal peso di certi lavori quotidiani, come per esempio archiviare file e documenti.

Quanti file e documenti ci arrivano ogni giorno nella nostra casella di posta come allegati oppure attraverso di Wetransfer, Dropbox, ecc? Quanto tempo dedichiamo a scaricarli e ad archiviarli? Poi magari li archiviamo nella cartella sbagliata e non li troviamo più!

Così dobbiamo scaricare di nuovo l’allegato che andrà a finire nella cartella download, magari lo lasciamo lì, intanto i file si accumulano e ci dimentichiamo qual era il file più aggiornato da salvare.

Che barba ogni volta, vero?

E’ ora di dire basta! E’ ora che la tecnologia si metta sapientemente e diligentemente al servizio dell’uomo

 

La soluzione

La soluzione è Quokky, che archivia automaticamente nella cartella giusta i documenti e li “tagga” per tipologia in modo tale che siano facilmente trovabili.

Un esempio?

Se sulla tua casella di posta (tipo Gmail) arriva una fattura, senza che tu te ne debba preoccupare, il sistema la prende, estrapola i dati (come importo, numero fattura, scadenza pagamento, fornitore) e la inserisce nella cartella fatture”

 

L’inizio

Ma come è iniziato tutto?

Tutto è iniziato tre anni fa quando la app ha debuttato nell’AppStore con una versione solo su invito. Da allora, ne ha fatta di strada. I suoi creatori l’hanno perfezionata, ascoltando suggerimenti e critiche degli utenti fino ad arrivare alla versione attuale, scaricabile oggi dall’AppStore.

Un altro esempio di come le buone idee vengano … dal confronto.

 

Il riconoscimento

Finalmente nel 2015 è arrivato il primo riconoscimento per Quokky, proprio da colei che ha assistito al suo debutto: la Apple.

Ma è solo l’inizio! Infatti, proprio in questi ultimi mesi la società sta ricercando investimenti per evolversi ancor più e rivoluzionare il mercato.

Un bell’esempio di come fare impresa per quei giovani che sognano di creare una startup nel settore della tecnologia. In Italia innovare è possibile; ovviamente non è facile, anzi tutt’altro, spesso è scoraggiante, come testimoniato dallo stesso Veronese, ma possibile. Veronese e il suo staff avevano avuto la possibilità di andare in Silicon Valley, ma hanno detto no, perché la tecnologia era nata Italia e perché…. sono italiani. Cari giovani, se si vuole si può!

 

  1. Sellf: un’agenda intelligente


Di che si tratta

Di una storia più o meno simile a quella di Quokky.

Sellf è il secondo esempio tangibile di come in Italia si possa innovare. 🙂

Non smetteremo mai di dirlo.. siamo troppo contenti di smentire le cassandre che ogni volta che si parla di creare imprese, startup e innovazione dicono che in Italia non è possibile.

Sellf è l’app italiana che è stata premiata come più innovativa… per iPad. Non a caso due startup italiane hanno vinto ben due premi nella categoria “innovazione”, questo è sinonimo di voglia di riscatto che i giovani – e meno giovani – in Italia hanno e che finalmente possono mettere in atto bypassando le burocrazie, proprio grazie alla tecnologia stessa.

Dove e come è nata Sellf?

E’ nata dal felice incontro tra tre ricercatori (Diego Pizzocaro, Filippo Zanella, Fabio Maran) e lo startup mentor Franco Roman, all’interno dell’incubatore trevigiano H-Farm.

La spinta ad idearla è stata la necessità di raccogliere in un unico device tutti gli impegni, i contatti e le riunioni di lavoro. “L’app “dialoga” con rubrica e calendario dell’iPad e associa contatti ed eventi, così da ricordare da integrare varie funzionalità all’approssimarsi del meeting (avviare una chiamata, avviare il navigatore ecc.).”

 

A cosa serve?

Sellf è l’app per iPad e tablet destinata, e quindi al servizio, principalmente ai commerciali, perché permette di gestire in modo coordinato e semplice i clienti, gli appuntamenti e tutto ciò che gravita nella sales force automation.

E’ stato un successo

E’ un’app che ha entusiasmato agenti di commercio in tutto il mondo! Lo staff di Sellf ha centrato la mission: aiutare a raggiungere gli obiettivi commerciali tracciando tutte le attività e rendendo così disponibile a tutti le funzionalità di un classico CRM.

E chi non ha bisogno di incrementare le vendite e di raggiungere i propri obiettivi?

Così Sellf ha già 70 mila utenti attivi ed è sicuro che, dopo questo riconoscimento di Apple, aumenteranno sempre di più.

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...