BlaBlaCar in Italia

“Non viaggiare da solo! Offri un passaggio in auto e risparmia il 75% sul costo di benzina e pedaggio”, recita il sito di BlaBlaCar, la celebre azienda dei passaggi in auto.

blablacar in italia

Come funziona

Semplice! Si chiede un passaggio a chi fa lo stesso viaggio. Si inserisce la città di partenza, di arrivo, la data del viaggio e si cerca il passaggio che interessa controllando se vi sono posti disponibili. Poi si sceglie e si contatta il conducente per prenotare il posto; quindi ci si presenta al punto di ritrovo e … via per il viaggio con notevole risparmio di danaro.

I tassisti non ce l’hanno con questa startup, perché non fornisce un servizio taxi (abusivo) ma la possibilità di viaggiare insieme.. e ciò che paghi è semplicemente un contributo spese.

La novità

In questi giorni è avvenuto qualcosa di importante per BlaBlaCar: un finanziamento di 200 milioni di euro; nessuna azienda europea aveva mai ricevuto tanto. Una iniezione di danaro che arriva da finanziatori americani e svedesi: Insight Venture Partners e Lead Edge Capital con la partecipazione di Vostok New Ventures, con l’obiettivo di “Sostenere la rapidissima crescita del servizio nei mercati già consolidati e il suo decollo nei nuovi mercati”, racconta Saviane, country manager di BlaBlaCar.

Tra le novità che questa Startup nata a Parigi sta introducendo anche in Italia, vi è il sistema di pagamento online. Un sistema che rende il servizio molto più efficace, ma che introduce anche i costi di commissione per i passeggeri, che variano dal 10 al 15% del costo della tratta, in base alla lunghezza di questa. Ciò nonostante pare che questo aggravio non scoraggi i possibili utenti.

Tipologia della clientela

L’età media dell’utente italiano di BlaBlaCar è di 31 anni, dice Saviane, e dal punto di vista dei passeggeri non c’è differenza significativa tra uomini e donne. Per quanto riguarda i conducenti che si prestano a questo servizio, invece, prevalgono le figure maschili.

E le tasse?

“L’azienda ha una sede amministrativa unica, ed è quella di Parigi” riprende Saviane, “l’Iva, per l’Italia, ovviamente la paghiamo in Italia. Il fisco, però, è quello francese.

 

Tratto liberamente da BlaBlaCar corre veloce 200 milioni di dollari di nuovi di finanziamenti, Nova 24 Tech, Il Sole 24 Ore

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...