Etilometri portatili: guida sicura via smartphone

Ebbene sì, esiste da qualche anno l’etilometro portatile che si connette allo smartphone per misurare il tasso alcolemico e suggerirci se prendere o no l’auto. Ora arriva l’app dell’assicurazione Allianz. Il gruppo di assicurazione Allianz ha lanciato una nuova funzione dell’app AllianzNow che permette ai propri clienti di fare l’alcol test digitale. Il test, non ha valore legale, ma sembra utile per simulare l’esito del test con l’etilometro.

Etilometri portatili

Come funziona l’alcol test digitale?

Il funzionamento dell’alcol test è semplice: si accede dal menù dell’app “Tutti i servizi Allianz”, s’inserisce il proprio sesso e il proprio peso, se si è a stomaco pieno o vuoto, la tipologia e la quantità di alcolico assunto e AllianzNOW stima il tasso alcolemico. Nel caso in cui il risultato sia superiore alla soglia di 0,5 grammi per litro, viene indicato il tempo minimo stimato di attesa prima di poter ritornare alla guida. A volte, infatti, l’app stessa suggerisce di fare una passeggiata per ripartire in sicurezza. La stima, frutto di un preciso algoritmo, può essere effettuata anche in modalità preventiva per valutare le differenze di impatto di una birra piuttosto che un cocktail o un bicchiere di vino.

Qual è il tasso di alcolemia consentito per guidare?

Secondo quanto stabilito dal Ministero della Salute, il tasso di alcolemia consentito per poter guidare non deve superare 0,5 grammi per litro: guidare un veicolo oltre questo livello costituisce un reato punibile, oltre che con la perdita di dieci punti della patente, anche con severe sanzioni amministrative che variano da 500 a 6.000 euro, nonché la sospensione della patente fino a due anni. E se il conducente in stato di ebbrezza dovesse provocare un incidente stradale la multa raddoppierebbe e subentrerebbe il fermo amministrativo. Va precisato poi che i neopatentati con meno di 21 anni, o comunque coloro che hanno conseguito la patente da meno di 3 anni, non possono bere alcolici prima di mettersi alla guida.

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...