Google presenta Android P.

Google ha lanciato il mese scorso la versione Beta di Android P. L’ufficializzazione era nell’aria, e cade ad hoc per i 10 anni di vita del sistema che monopolizza quasi l’88% del mercato globale. La nuova veste di Android sarà sperimentabile su Pixel, lo smartphone di casa Google, ma anche su una serie di marchi partner come Nokia, Vivo, OnePlus, Xiaomi, Sony, Essential e Oppo.

L’annuncio è arrivato dal palco di I/O, la conferenza degli sviluppatori svoltasi a Mountain View. Android era il piatto forte di un evento che ha alzato il sipario su una lunga serie di aggiornamenti ai vari prodotti del colosso californiano, da Google assistant (migliorato nella “naturalezza” delle conversazioni) al debutto di una nuova versione di Google News, ora più incline a “fornire fonti autorevoli” ai lettori.

android p

Il nuovo Android P: ecco cosa cambia

Google non è entrata troppo nei dettagli sulla nuova versione di Android. Uno dei cambiamenti che si sono fatti notare è l’arrivo della «adaptive battery», la batteria adattiva: grazie a DeepMind, un sistema di intelligenza artificiale, il sistema è in grado di riconoscere le app più impiegate dall’utente e distribuire di conseguenza il consumo energetico (sarà presenta una funzione analoga per la luminosità, chiamata Adaptive Brightness). Tra le altre novità ci sono il lancio di una piattaforma di machine learning e un nuovo sistema di navigazione, basato sulle cosiddette “gesture”, ovvero scegliere fra le varie app facendole scorrere sullo schermo. L’obiettivo di Google è di semplificare il più possibile la fruizione dello smartphone.

Da Google news ad Assistant, la parola chiave è IA

È pronta all’esordio una nuova versione di Google news, il sistema di raccolta delle notizie giornalistiche, dove l’azienda scremerà in maniera più accurata le informazioni che ritiene utili per l’utente. Spuntano funzioni inedite come “Full coverage”, un sistema che permette di ripercorrere una vicenda nei suoi punti salienti, fornendo un background completo, e “For you”, una selezione di cinque storie giudicate in linea con i propri interessi. Google Assistant, l’assistente virtuale che ha appena raggiunto una platea di 5mila tipi di device compatibili, farà dei salti in avanti. Fra le altre cose c’è la possibilità di non ripetere “OK Google” prima di ogni dialogo, oltre a una maggiore naturalezza delle risposte. Il servizio sarà ampliato a un bacino di 70 paesi e 30 lingue diverse.

Per il resto, a dettare le linee guida è il machine learning (i sistemi di apprendimento automatico) e sinergia fra app. Google Maps si integra a sua volta con Assistant (che fornirà indicazioni vocali alle domande degli utenti) e a sistemi di visualizzazione: basterà puntare su un obiettivo Lens, la lente di Google, per essere aggiornati, ad esempio su quante gente c’è in un locale o il tipo di prodotto esposto in vetrina. Gmail sfrutterà il machine learning per aiutare a completare le frasi scritte sulla casella di posta elettronica, mentre Foto diventa più ritoccabile dagli utenti (si può “colorare” uno scatto in bianco e nero).

 

Dai anche un’occhiata alla nostre vantaggiosissime Promo:

Ultra Giga Summer che ti permetterà di avere 4GB in più al mese ad un prezzo piccolo piccolo… potrai così condividere con chi vuoi ogni istante della tua estate!

Junior Plus per gli Under 18, a soli € 10,90, TMS ti dà tanti minuti SMS e ben 6 GIGA. Attiva una nuova sim card per tuo figlio e rendi straordinaria la sua estate!

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...