Huawei produrrà un sistema operativo al posto di Android di Google

sistema operativo huawai

Huawei sta lavorando a un sistema operativo per smartphone. Potrebbe chiamarsi Kirin OS, ovvero lo stesso nome del processore, e secondo i rumors potrebbe arrivare questa estate. Non è scontato che Huawei, numero 2 al mondo nella vendita di smartphone dopo Samsung, sia pronta a mollare Android di Google per seguire l’esempio di Apple, che oltre all’hardware è proprietaria del software iOS. Ma perché intraprendere un progetto così ambizioso? Le ragioni potrebbero essere diverse, vediamole insieme.

La paura di Trump
La prima ha a che fare con il rapporto con l’amministrazione Trump. Da mesi gli attacchi da parte del presidente americano verso Huawei non si fermano. Secondo Wall Street Journal e Financial Times una delegazione americana avrebbe persino fatto un tour europeo chiedendo agli alleati di mettere al bando Huawei nella costruzione di reti 5G. In ambito più propriamente smartphone, a preoccupare l’azienda di Shenzen potrebbe essere il precedente con Zte. Alle aziende americane era stato vietato vendere componenti a Zte, anche se poi Trump ha fatto un passo indietro.

Rischio Google Play Store
E se succedesse qualcosa di simile al sistema operativo? Android è open source quindi un bando non è plausibile, ma se fosse reso più difficile implementare Google Play Store? Una agenzia Reuters lo scorso aprile parlava di questo rischio nel caso Zte. Ed è per questo che dal 2012 Huawei si starebbe preparando a uno scenario emergenziale di questo tipo. In effetti è già in parte abituata, perché nel suo primo mercato, la Cina, non esiste una versione locale del Google Play Store. Huawei ha il suo negozio di applicazioni e ne esistono altri, come Tencent e Baidu. Kirin OS potrebbe essere dedicato solo al mercato cinese?

Il business di servizi e app
C’è anche una ragione di business. Il mercato degli smartphone è diventato molto competitivo. E rallenta. Richiede grossi investimenti per i modelli di fascia alta e i margini sono molto sottili, al punto che lo stesso ceo di Huawei un anno fa aveva previsto che sarebbero rimasti sul mercato solo 3-4 produttori. Chi ha capacità finanziaria. E come si fanno i soldi? Con l’hardware e il software, ma nel mondo Android i soldi per le applicazioni e i servizi vanno quasi tutti a Google, a differenza di Apple che dai servizi porta a casa 10 miliardi di dollari a trimestre.

Il precedente di Samsung con Tizen
Il sogno di un terzo sistema operativo non è nuovo: Samsung ci ha provato anni fa con Tizen, poi rimasto su smartwatch, internet of things e qualche smartphone in India. Il mercato degli smartphone non Android vale lo 0,1% del mercato globale (Gartner). Sarebbe una bella sfida no?

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...