MammaPack: la startup che spedisce i prodotti italiani per colmare la nostalgia di casa

MammaPack

Creata da due expat originari di Napoli, spedisce in tutta Europa prodotti italiani a prezzi italiani.

Il “pacco da giù” è la quintessenza della vita del fuori sede. Arriva strabordante di pasta e sughi, biscotti e detersivi, pieno delle attenzioni che una famiglia italiana riserva a chi vive lontano. Per gli expat, gli italiani che risiedono all’estero, è quasi essenziale: spesso fuori dal nostro paese i prodotti nostrani non si trovano o costano un occhio della testa. È da queste premesse che è nata la startup MammaPack: un e-shop che permette di comprare, da tutta Europa, prodotti italiani a prezzi italiani, ricevendoli direttamente a casa e con spese di spedizione flat.

A crearla sono stati due giovani, entrambi nati a Napoli ed entrambi expat: Flavio Nappi, che vive a Parigi, e Romolo Ganzerli, ora a Ginevra. Loro per primi hanno sperimentato la struggente mancanza dei biscotti dell’infanzia (dalle Gocciole ai Pan di Stelle), della pasta o dei sughi made in Italy. E si sono sentiti demotivati di fronte a prezzi fuori misura nei supermercati stranieri.

Così hanno ideato una spesa online pensata per colmare la nostalgia di casa. Lanciata nel 2018, la startup ora propone diecimila prodotti: dal cibo (e non poteva essere altrimenti) ai detersivi per la casa, da saponi e shampoo agli articoli per i neonati. Esattamente tutto quello che una mamma e un papà d’Italia potrebbero stipare nel pacco da spedire a un figlio all’estero.

La consegna avviene in 20 paesi europei, a tariffa fissa e senza limiti di peso. Normalmente richiede dalle 48 alle 96 ore ma, si legge sul sito, in questo periodo si sono registrate talmente tante richieste che i tempi si sono allungati a una settimana. Il progetto, infatti, continua a crescere: al momento serve circa 5000 clienti, anche se il pubblico potenziale è vasto. Basti pensare che in Europa, secondo i dati del rapporto Italiani nel mondo 2019 della Fondazione Migrantes, risiedono oltre 2,8 milioni di italiani emigrati.

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...