La cinese Oppo ci presenta i suoi nuovi top di gamma: RX17 Pro e RX17 Neo

Ecco che Oppo, quarto produttore di smartphone nel mondo, qualche settimana fa ha lanciato due nuovi dispositivi: Oppo RX17 Pro e RX17 Neo. Con il chiaro intento di richiamare l’attenzione del pubblico giovane, anzi giovanissimo, che apprezza la vita notturna, i colori sgargianti e le atmosfere al neon.

Dopo il lancio di Oppo Find X che si era distinto per un fotocamera motorizzata, Rx17 Pro e Rx17 Neo la buttano sul look, offrendo una gamma di colori effettivamente particolare, prezzi contenuti e una giusta dose di tecnologia. Non eleganti ma sicuramente di impatto soprattutto per le nuove generazioni.

Oppo RX17 Pro e RX17 Neo
Partiamo dal più interessante l’Rx17 Pro.

Due colori Radiant Mist e Emerald Green danno vita alla scocca. Oppo ha aggiunto uno strato di luce condensata tra lo strato di colore e la superficie di vetro, creando una curva speciale ed una texture particolare, che può riflettere la luce secondo la trama. Muovendo lo smarphone il gioco di riflessi è dinamico e piacevole.
Il display a goccia. L’altra novità dell’RX17 Pro é il design dello schermo da 6,4 pollici. Ispirato a una goccia d’acqua, da cui il nome “Waterdrop”. Questo particolare design ha permesso ai designer cinesi di posizionare la fotocamera anteriore al centro della goccia d’acqua, nascondendo il sensore di luce e il sensore di prossimità all’interno e inserendo l’auricolare tra il telaio laterale ed il vetro. Il risultato è un display che appare più grande e ha consentito di aggiungere la funzione sblocco con impronta sotto schermo. Da un punto di vista ingegneristico è interessante perché permette di rispondere direttamente al messaggio senza interrompere il vostro gioco o un video.

Oppo RX17 Pro e RX17 Neo

Le riprese notturne. Un forte accento è stato posto dal produttore cinese sulla fotografia notturna. Come abbiamo visto anche con l’ultimo di Huawei, ma soprattutto con il Pixel 3, l’uso di tecniche di computer vision applicate ai colori consentono di modificare l’illuminazione della foto. Sempre l’Rx17 Pro in pratica mette insieme differenti tecniche che vanno appunto dalla ricostruzione dell’immagine a un’apertura variabile di F1,5/F2, che si può regolare automaticamente alle condizioni di luce. Viene anche garantito un tempo di esposizione più lungo.

Le specifiche hardware. Visto che siamo in tema, RX17 Pro è equipaggiato di una fotocamera frontale 25MP e di un sensore Sony IMX576 con un’apertura f/2,0. Inoltre, per quanto riguarda i sensori, RX17 Pro utilizza un Sony IMX362 come fotocamera principale, che ha 12 MP con dual-pixel per una messa a fuoco rapida e precisa e pixel di dimensioni pari a 1,4 micron e 1 /2,55 come dimensioni del sensore. Secondo i costruttori, “l’intero sistema hardware di OPPO RX17 Pro è stato progettato per la fotografia notturna”. Da rilevare infine, la tecnologia di ricarica veloce lanciata con il modello Find X che promette in soli 10 minuti una ricarica del 40% ed in 40 minuti una ricarica completa. Per di più, RX17 Pro è dotato di un 6GB DDR4 RAM con una piattaforma mobile octa-core Qualcomm Snapdragon 710, grazie alla quale è possibile eseguire più attività senza soluzione di continuità, come la riproduzione di video HD o giochi online di telefonia mobile. Con uno spazio di archiviazione da 128 GB, gli utenti hanno un ampio spazio per archiviare tutti i propri file.

Oppo RX17 Pro e RX17 Neo
Quanto all’RX 17 Neo

Le specifiche descrivono un telefono che lascia più spazio al display e più potenza per muovere pixel. Il Neo sembra puntare a un pubblico di gamers ma al tempo stesso non rinuncia a offrire una dinamica di colori fuori dall’ordinario (rosso moka e blu astral). Anche il prezzo è inferiore rispetto a RX Pro: infatti il Neo costa intorno ai 300€ mentre parliamo di 600€ per i Pro.

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...