Taurus lancia la e-bike che potrà connettersi agli abiti «smart»

Taurus, lo storico brand milanese delle biciclette, nato nel 1908 e acquisito nel 2016 dalla napoletana Protom, lancia la nuova linea e-bike con ZeHus, azienda nata nel Politecnico di Milano, oggi leader europea nei sistemi di potenza e connettività «all-in-one» per le bici a pedalata assistita. In parallelo lancia in anteprima assoluta il gilet ad alta visibilità sviluppato da Clara Swiss Tech, pluripremiata startup nel mondo del wearable technology nata nella Scuola universitaria professionale della svizzera italiana (Supsi). Nasce insomma la «Linea È» di Taurus, con tre modelli a pedalata assistita.

Taurus e-bike

«Linea È» di Taurus

C’è la versione maschile «È Uomo», quella femminile «È Donna» e la «Limited È», per gli appassionati delle due ruote più esigenti: telaio a rondine e manubrio artigianale. Il sistema ZeHus, con motore, batteria ed elettronica integrati nel mozzo posteriore gestiti dall’applicazione dedicata Bitride, consente di avere un’autonomia infinita, grazie alla tecnologia Kers (Kinetic Energy Recovery System) che permette di ricaricare la batteria nelle fasi di inerzia, ossia in discesa e pedalando in senso antiorario. Con la batteria nascosta nel mozzo, le nuove e-bike conservano lo stile classico ed elegante firmato Taurus.

Dalla collaborazione fra Taurus e Clara nasce poi la linea di gilet con frecce «Clara for Taurus». La startup svizzera Clara Swiss Tech ha ideato questo dispositivo indossabile, che aumenta la visibilità dei ciclisti grazie a luci Led, riducendo il rischio di incidenti stradali. Il funzionamento è semplice: grazie a un dispositivo wireless posto sul manubrio della bicicletta, quando il ciclista decide di svoltare, può indicare le sue intenzioni attivando la freccia integrata nel gilet.

«L’ambizione è quella di essere i primi al mondo a connettere la bicicletta con gli indumenti smart iniziando tale percorso dall’integrazione della tecnologia di attivazione delle frecce direzionali direttamente all’interno del manubrio», spiega il presidente di Taurus e fondatore di Protom Fabio De Felice. «Siamo profondamente legati alla storia del nostro marchio di biciclette e alla straordinaria capacità dei nostri artigiani, valori che siamo costantemente impegnati a coniugare con l’innovazione per rendere il viaggio in bicicletta un’esperienza sempre più sicura e con meno rischi».

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...