Un Apple Watch può rilevare i primi segni di una demenza?

Un Apple Watch

Apple continua ad espandere i suoi orizzonti, per quanto riguarda le app pensate per la salute, con un altro aggiornamento su Apple Watch e iPhone. Apple avrebbe infatti collaborato con l’azienda farmaceutica Eli Lilly per studiare un modo grazie al quale questi dispositivi possano essere effettivamente utilizzati per individuare i primi segni di demenza. Le due aziende hanno lavorato per individuare più rapidamente e con precisione i disturbi cognitivi con l’aiuto di popolari gadget di consumo.

Apple sempre più presente nell’ambito medico

La ricerca, pubblicata proprio qualche giorno fa sulla rivista “KDD ’19 Proceedings of the 25th ACM SIGKDD International Conference on Knowledge Discovery & Data Mining”, è durata dodici settimane e ha coinvolto 31 persone affette da vari stadi di demenza e un gruppo di controllo composto da 82 persone sane. Come ha spiegato Christine Lemke, una dei referenti, alla CNBC:

 “Con questa ricerca abbiamo approfondito i dati relativi ai comportamenti quotidiani, come quelli ricavati da iPhone, Apple Watch e i monitor del sonno Beddit, per capire se in base a questi fosse possibile riconoscere le persone affette da una demenza cognitiva media o da uno stadio iniziale di Alzheimer rispetto a quelle sane”.

A ognuno dei partecipanti è stato chiesto di non prendere medicinali che potessero alterare i risultati, e poi sono stati forniti loro tre dispositivi: un iPhone, un Apple Watch e un tracker del sonno Beddit. Secondo la ricerca il risultato è stato che le persone affette da demenza scrivevano più lentamente, in maniera più irregolare e mandavano meno messaggi rispetto ai partecipanti sani. Inoltre, si affidavano maggiormente alle app di supporto e si sono rivelate meno propense a partecipare ai sondaggi.

I dati sono ancora troppo pochi per poter trarre delle conclusioni concrete, ma la direzione presa dallo studio è senz’altro interessante, considerato che ormai moltissime persone utilizzano quotidianamente dispositivi analoghi

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...