Xbox Family mette in “sicurezza” la console

Fino a ieri controllare quanto tempo i propri figli trascorrevano davanti ai videogiochi ed assicurarsi che non accedessero a contenuti non adatti alla loro età andava fatto di persona. Ora, invece, è possibile farlo utilizzando la Xbox Family, la piattaforma sviluppata da Microsoft per permettere ai genitori un controllo dell’attività on line di bambini e ragazzi. «Vogliamo dare agli utenti la possibilità di avvicinarsi al gioco in modo sicuro durante le diverse fasi di crescita», spiega Paola Cavallero, Direttore divisione Microsoft Consumer & Device Sales Mediterrean Area. «Abbiamo», prosegue, «una visione chiara della tecnologia come abilitatore per il successo delle persone. Delle quali deve amplificare il potenziale, non prendere il controllo delle loro attività». E in un settore come quello del gaming «il controllo è importante, per insegnare ai ragazzi a gestire la tecnologia».

Xbox Family

Come si struttura questo controllo?

Ai genitori spetta il compito di definire i momenti della giornata nei quali i propri figli possono giocare. Accendendo la consolle al di fuori di questi orari, appare un messaggio di blocco. Con l’opzione di chiedere a mamma o papà il permesso per uno strappo alla regola.
È previsto anche che i genitori possano mettere dei paletti ai contenuti accessibili dai ragazzi. Sia per quanto riguarda i giochi, sulla base della classificazione Pegi, sistema di rating dei videogiochi che indica l’età per la quale sono adatti, che per il web. Sì, il sistema consente di individuare i siti off limits anche sul pc del proprio figlio. I filtri si applicano solo a Edge, ma è possibile bloccare l’utilizzo di altri browser.
Quindi c’è l’aspetto economico. I genitori possono caricare del denaro sul conto dell’account dei propri figli, consentendo loro di utilizzarlo per acquistare dei giochi. Se si tenta di scaricarne uno e non si ha il denaro sufficiente, viene inviata una mail nella casella di mamma e papà. Che possono decidere di autorizzare o meno la transazione. E lo stesso vale se un ragazzo prova ad accedere a un contenuto bloccato, ad esempio un gioco non adatto alla sua età.
Infine, è possibile anche determinare il grado di interazione possibile con gli altri gamer. Ad esempio autorizzare o meno la condivisione di screenshot e clip di gioco, così come la conversazione con altri giocatori. Conversazioni che, in ogni caso, saranno sempre accessibili ai genitori.
In un settore in fermento, è difatti di poche settimane fa l’annuncio del lancio di Stadia, la piattaforma di gaming in cloud lanciata da Google, Microsoft punta sulle famiglie e sceglie di giocare la carta della sicurezza. Al mercato il compito di stabilire se sarà quella vincente.

 

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...