YouTube segnala i video copiati grazie a Copyright Match

Finalmente YouTube ha creato un nuovo strumento che segnala la presenza di video copiati su siti altrui, in modo tale da consentire ai legittimi proprietari di scegliere cosa farne. Per il momento però questo servizio è a disposizione solo per canali che contano più 100 mila follower.

Si, Copyright Match rappresenta l’arma che i professionisti di YouTube potranno usare per proteggere i propri video dalle violazioni di copyright. Lo strumento nasce appositamente per impedire che qualcuno possa scaricare video altrui al fine di creare canali propri, approfittando così del lavoro e della proprietà intellettuale di terzi.

Copyright Match

Copyright Match a cosa serve e a chi serve?

Quel che YouTube vuole fare è offrire ai migliori creatori di video la possibilità di non dover perdere tempo nel cercare manualmente e quotidianamente chi utilizza il “loro” lavoro: una volta caricato un video, infatti, verrà analizzato per creare una specifica impronta; questa impronta sarà quindi confrontata con quella degli altri video su YouTube e, nel caso in cui emerga una qualche corrispondenza, scatterà l’avviso al creatore che ha portato online il video originario.

A quel punto ogni decisione successiva sarà nelle mani dell’utente, che potrà autorizzare o bloccare le copie non autorizzate (tra le possibilità c’è anche un avviso alla controparte, un modo gentile per chiedere la rimozione del video senza agire con un’azione di forza). Chiaramente per poter bloccare un video altrui bisognerà avere tutti gli strumenti necessari per poter dimostrare di avere la proprietà intellettuale del video stesso.

YouTube spiega di aver testato lo strumento per circa un anno e di essere sicuro del suo funzionamento. Il team di sviluppo ci tiene però a sottolineare come Copyright Match sia qualcosa di differente e di complementare al programma Content ID già noto da molti anni: si tratta piuttosto di uno strumento espressamente dedicato a chi cura canali particolarmente frequentati, facilitandone così la gestione e la programmazione.

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...