Convertire i rifiuti di casa propria in fertilizzante grazie a Zera

L’uomo genera rifiuti, tanti, troppi. Negli ultimi 5 anni sono stati stimati circa 9,5 milioni di tonnellate di rifiuti, la maggior parte dei quali danneggia gravemente il pianeta e provoca situazioni di allarme ambientale in oceani, mari, fiumi, colture o città.

Considerati i dati sui rifiuti allarmanti si sta cercando di rimediare, laddove sia possibile, con sistemi utili per lo smaltimento dei rifiuti. E si comincia proprio dalle nostre case, grazie a questa nuova e rivoluzionaria tecnologie, creata da WLabs Innovation, una società appartenente alla gigantesca società Whirpool, che ha progettato un dispositivo per riciclare cibo e rifiuti organici.

Un contenitore per… “creare” vita

Gettiamo un sacco di cibo, a volte sprecandolo proprio, in ogni momento della giornata. Grazie a Zera tutti questi prodotti potranno essere riciclati per altri scopi.

L’idea alla base di Zera è di ridurre il volume di rifiuti organici di quasi un terzo grazie a un processo automatizzato che avviene all’interno dell’apparecchio e che, entro 24 ore, converte i rifiuti in fertilizzante per le piante. Due piccioni con una fava, spazzatura eliminata e una casa più verde.

zera

Caratteristiche e funzionamento di Zera

Usare Zera è molto semplice. La prima cosa che occorre fare è depositare la spazzatura fino a quando l’elettrodomestico è non risulterà pieno. Grazie ad alcuni additivi speciali, che cercano di accelerare la composizione del fertilizzante, inizia il processo di creazione, che viene avviato semplicemente premendo un pulsante. Inoltre, se si preferisce farlo da remoto, l’applicazione per i dispositivi mobili può eseguire la stessa funzione. Il fertilizzante ottenuto, poi, è subito pronto per le piante.

È possibile ricevere notifiche sul proprio telefono cellulare quando Zera ha terminato il processo o quando è necessario cambiare i filtri. Si può vedere lo stato del processo ogni minuto dal proprio dispositivo e ricevere informazioni o consigli su come o per cosa utilizzare il composto ottenuto.

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...